E’ un po’ di tempo che volevo parlarvi di questo film: “L’esorcismo di Emily Rose”.L’ho visto un anno fa (in DVD), ma aspettavo il momento per scriverne in maniera accurata e senza fretta.

 

Diretto da Scott Derrickson e scritto da Paul Harris Boardman (nel 2005), è ambientato negli Stati Uniti (invece che in Germania); ma è un film che vi consiglio vivamente.

 

La storia è quella di Emily (Anneliese) che, dopo essere andata al College, comincia ad avvertire attacchi paranormali molto forti che, da semplici allucinazioni e oggetti che si muovono da soli, divengono una possessione demoniaca potente.

La ragazza è molto tranquilla, di famiglia umile, era al College per aver vinto una borsa di studio.

Non frequenta persone strane, né vuol fare esperienze esoteriche; è una fervente cristiana che studia ed ha un fidanzato.

Ma i suoi “gravi e misteriosi malori”la costringono a lasciare l’Università e a farsi curare da degli psichiatri.

La diagnosi è semplice epilessia.

Mentre le cure utilizzate (farmaci e alimentazione forzata via flebo) non le procurano alcun miglioramento per anni…

Così, Emily torna a casa e, con l’aiuto della sua famiglia (molto unita e forte) e di Padre Moore (parroco ed esorcista) comincia a curare la propria spiritualità.

 

In realtà, la storia di Anneliese Michel è un po’ più complicata.

Nella Chiesa tedesca, la sua vicenda (fra gli anni ’50 e ’70)  creò non poco clamore: c’era chi parlava bene degli esorcismi e dello studio della demonologia, mentre alcuni (anche fra i Vescovi) gridarono all’abuso del Rituale dell’esorcismo e della religione, arrivando a chiedere al Papa Paolo VI di proibire l’esorcismo(!).

Lui non lo fece.

In verità, se le cure mediche avessero avuto successo, non si sarebbe arrivati all’esorcismo…

 

Anche nel film comincia una LOTTA ESTENUANTE FRA SCIENZIATI E RELIGIOSI.

Dopo la morte di Emily (Anneliese), i genitori di lei e, persino il parroco, vengono inquisiti per omicidio!

Essi cercano di raccontare l’accaduto, ma vengono diffamati dall’opinione pubblica e dai dottori (che non erano riusciti a far niente per ben 5 anni!).

Il prete viene persino incarcerato.

Ma nel film, Padre Moore (il bravissimo Tom Wilkinson) avrà l’ottimo avvocato interpretato da Laura Linney.

Dapprima agnostica, considerando la causa come qualunque altra, l’avvocato farà ricerche approfondite sulla vicenda.

La famiglia di Emily (l’intensa Jennifer Carpenter) è tutt’altro che fanatica e pazza: sono preoccupati per la figlia e cercano di aiutarla con molto coraggio.

Mentre Padre Moore è solo un bravo sacerdote che cerca di servire la VERITA’.

 

Il film ha incassato decine di milioni di dollari (fra USA, Italia e Germania) ed è stato distribuito anche in altri paesi.

In Italia fu presentato al Festival d Venezia.

 

La storia vera della tedesca Anneliese Michel è documentata ampliamente sul Web; ciò che vi consiglio, però, è di leggere i fatti senza preconcetti.

Chi è online

Abbiamo 19 visitatori e nessun utente online

Copyright © 2008-2017 - Il Raggio di Luce. Tutti i diritti riservati. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7/03/2001.

______

Se qualcuno ritenesse che sia stato violato il copyright delle sue opere è pregato di segnalarlo.
Rimuoveremo immediatamente le foto in questione.

I MIEI SUGGERIMENTI