Torno ad aggiornare il sito dopo parecchio, ma lo faccio parlando di 3 film che ho trovato imperdibili.Si tratta di pellicole piuttosto recenti che hanno, per tema, accadimenti simili: uno il diventare genitori da adolescenti (Juno), l’altro l’adozione (E’ arrivato nostro figlio) e l’ultimo l’affidamento di un minore (Il ragazzo con la bicicletta).

Il primo film è americano, del 2007, diretto da Jason Reitman (ha vinto l’Oscar per la miglior sceneggiatura). E’ interpretato da Ellen Page ed altri ottimi attori. Poetico e divertente: vi commuoverà raccontando, per una volta, una storia realistica. Juno (Giunone) la ragazza sedicenne, infatti, d’accordo col padre del bambino, che è un suo compagno di liceo, decidono di trovare una coppia in gamba per dare in adozione GRATIS il loro bimbo.

Poi c’è “E’ arrivato nostro figlio”, film francese del 2013. E’diretto e interpretato dalla simpaticissima Valérie Lemercier. Si può girare una commedia su un tema così delicato come l’adozione? Come spettatrice, all’inizio, non sapevo; ma poi, guardando l’ottimo lavoro della Lemercier e degli altri (non ultimo il marmocchio che, per più di mezzo film, ha la solita espressione incavolata) direi proprio di sì. E nel film, Gilles Lelluoche e la Lemercier (che interpretano gli aspiranti genitori) hanno il coraggio di mostrare le incoerenze e difetti dei genitori occidentali; cosa che io trovo molto giusta. Il finale, come quello di Juno, è imprevedibile.

Infine c’è “Il ragazzo con la bicicletta” (del 2011) una co-produzione fra Belgio, Francia e Italia. La pellicola girata da Jean-Pierre e Luc Dardenne, è interpretata dal bravissimo Jerémié Renier e dall’intensa Cécile De France. E' un piccolo grande film, non comico, ma neanche greve o solo drammatico, anche se il tema è complesso. Il minore preso in affido, come spesso accade in Europa, non è orfano: anzi, conosce il padre ed il suo indirizzo. Ma l’uomo non è maturo per allevarlo, tanto che lo lascia in un istituto per ragazzi abbandonati. Da lì il ragazzino incontrerà Samantha, una parrucchiera…ma vi lascio alla visione dei film, ormai in DVD, sempre suggestivi da vedere.

Il cinema, secondo me, deve anche far pensare.

Chi è online

Abbiamo 3 visitatori e nessun utente online

Copyright © 2008-2017 - Il Raggio di Luce. Tutti i diritti riservati. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7/03/2001.

______

Se qualcuno ritenesse che sia stato violato il copyright delle sue opere è pregato di segnalarlo.
Rimuoveremo immediatamente le foto in questione.

I MIEI SUGGERIMENTI