Anche questo film è del regista  scomparso Sidney Pollack.
E’ una pellicola del ’75.
La co-protagonista  è Faye Dunaway.
Non credo che riuscirò ad esprimere la suspence del film tanto è palpabile (che è per un pubblico adulto a causa dei temi trattati).
L’ho perso a noleggio in videocassetta (casualmente) quando è morto il regista e, in effetti, non conoscevo i suoi film.
L’ultima apparizione di Pollack l’abbiamo vista, come attore, in Eyes Wide Shut di Stanley Kubric (pare che il geniale ed esigentissimo Stanley non riuscisse a trovare un interprete all’altezza di uno dei protagonisti). Ed io vi consiglio anche questo film (anch’esso vietato ai minori).
Ma il lavoro di Sidney era soprattutto dietro alla macchina da presa; e “I tre giorni del condor” lo dimostra.
E’ un triller raffinatissimo e senza fiato, ambientato nel mondo dello spionaggio internazionale.
L’aitante Robert interpreta un agente segreto, statunitense, che finge d’essere un impiegato (ma nel suo ufficio tutti sono spie).
Il suo aspetto è quello informale dei giovani anni ’70; mentre egli vive, con la sua ragazza, sotto mentite spoglie.
L’atmosfera piacevole cesserà, di colpo, una mattina.
Tutti (compreso il superiore) verranno uccisi con efferatezza…
mentre il protagonista si salva per puro caso: ma dovrà fuggire ed indagare sui .
Faye Dunaway, conosciuta dopo, rappresenta la DONNA MISTERIOSA che si trova in certe situazioni.
Pochi film possono descrivere, in maniera credibile, un INCONTRO del genere.
E pochi autori possono trattare accadimenti difficili e stringati, con tanta maestria.
La storia pare sia tratta da un libro ma, come diceva Federico Fellini "un film tratto da un libro è sempre un libero adattamento".
Il lato triste è il riferimento a servizi segreti deviati, associazioni occulte che racchiudono personaggi insospettabili (come anche in Eyes Wide Shut) e poche persone che si ergono contro un sistema in cui l’ESSERE UMANO pare sia meno rilevante.
Ma Pollack crede nella persona umana, ed il finale non è scontato.
 
 
 
 

Copyright © 2008-2017 - Il Raggio di Luce. Tutti i diritti riservati. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7/03/2001.

______

Se qualcuno ritenesse che sia stato violato il copyright delle sue opere è pregato di segnalarlo.
Rimuoveremo immediatamente le foto in questione.

I MIEI SUGGERIMENTI

  • Noi e il pianeta

    07 Novembre 2008
    L’emergenza ambientale è diventata argomento comune. Parlarne troppo, però, forse aiuta a rimuovere...