Ma chi è l’artista?
Martedì sera sono stata al Teatro Romano di Fiesole (FI), ad ascoltare il concerto della vincitrice morale del Festival di Sanremo: Malika Ayane.
L’atmosfera era molto suggestiva; l’acustica, per quanto ne capisco, eccellente, le luci ben fatte ma la cosa veramente straordinaria era la voce dell’artista: forte, pastosa, appassionata, versatile.
Torniamo alla domanda d’apertura: CHI E’ L’ARTISTA?
Ci ho riflettuto bene (anche conoscendo, da spettatrice, l’Ayane): l’artista è una persona che nasce con una grande VOCAZIONE (espressione un po’  strana nel nostro mondo). Poi c’è il talento (parola evangelica che significa soldo di grande valore) ma, come diceva Flaubert, il talento per quanto grande non basta: l’artista deve avere carattere.
Infatti esso è un dono, mentre il carattere si costruisce con la volontà, l’autodisciplina e l’amore per il Bene.
Può un “grande artista” vivere senza regole?
La maggior parte delle persone che ho incontrato, nel mondo della cultura e dello spettacolo, hanno detto di sì: basta che egli/ella “si tenga buone le persone che contano” e può far tutto ciò che vuole: anzi, con un atteggiamento “fuori dalle righe”, attirerà l’attenzione su di sé.
 
Quanti insegnamenti mancati…
 
Malika, dunque, con il suo concerto meraviglioso (suo e della sua band), mi ha fatto riflettere su queste cose.
Già a Sanremo ci aveva mostrato la sua umiltà, nonostante la bravura,
il suo prendere sul serio la musica come mezzo d’ESPRESSIONE; ma anche adesso che sta girando le città, col suo Grovigli Tour, è rimasta semplice.
Testimone interessante di una cultura mista (il padre è marocchino e la madre italiana) sembra incarnare il meglio di entrambe ( il Marocco è un paese islamico molto aperto).
Il repertorio andava dalle canzoni in inglese (in cui è molto a suo agio) ai brani recenti in italiano, fino alle canzoni anni 60’ del finale.
Malika è anche musicista.
Se fossi un critico musicale, chissà chi avrei citato, per far bella figura!
Ma ho già detto che non lo sono.
E comunque, per fare un raffronto, mi vengono in mente Areta Franklin, Tina Turner o anche Liza Minnelli.
 
Le auguro una grande vita!
Perché l’artista vero pensa soprattutto alla vita reale: quella di tutti i giorni sì.
 

 Estate Fiesolana 63° edizione 2010, www.estatefiesolana.it

Copyright © 2008-2017 - Il Raggio di Luce. Tutti i diritti riservati. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7/03/2001.

______

Se qualcuno ritenesse che sia stato violato il copyright delle sue opere è pregato di segnalarlo.
Rimuoveremo immediatamente le foto in questione.

I MIEI SUGGERIMENTI

  • Amore liquido

    02 Marzo 2017
    Torno ad aggiornare “Il raggio di luce” dopo un lungo periodo, in cui abbiamo avuto un atto vandalic...